Orgasmo Anale: ecco tutto quello che dovresti sapere

Il sesso anale è un tabù per molti e un carico di forti emozioni per altri. L’uomo che penetra si sente potente, soddisfatto ed eccitato, ma cosa succede al/alla ricevente? Può raggiungere l’orgasmo anale? Molti pensano che non possa esistere niente di simile… Perciò, andiamo a scoprire la verità: esiste davvero oppure no? E se esiste come possiamo stimolarlo e provocarlo? Si può raggiungere questo orgasmo solamente facendo sesso anale?

Adesso risponderemo a tutte queste domande ma, prima di farlo, è necessaria un po’ di teoria che ti aiuterà a capire tutto quello che ti spiegherò in seguito. (Prendi nota e presta attenzione: se vuoi provare il sesso anale, queste sono certamente cose che dovresti sapere!)

Partiamo dal principio…

Per quanto riguarda l’anatomia, ci sono alcune cose che dovresti assolutamente sapere… Partendo dalle cose più basilari, devi sapere che “ano” significa “anello” in latino e si tratta di un orifizio che controlla l’espulsione del nostro cibo, dopo che il processo digestivo è finito. Ci sono un sacco di nervi intorno e all’interno del canale anale. Quando vengono stimolati, possono portare ad un intenso orgasmo.

Nel Taoismo, il muscolo anale appartiene alla stessa unità di energia delle ghiandole sessuali. Secondo chi ci crede, quando le ghiandole sessuali sono forti anche i muscoli anali lo sono. D’altra parte, se riuscissi a guardare l’ano con uno specchio, potresti renderti conto che effettivamente sembra fatto appositamente per il sesso: sembra stretto e piccolo, ma è in grado di allungarsi e allargarsi quanto basta per ospitare le dita, degli appositi giocattoli e un pene.

Devi sapere persino che molte donne hanno affermato di godere della “pienezza” del retto, che si crea durante il gioco anale. Il retto si trova nella parte superiore dell’ano e non è così sensibile, ma evidentemente lo è per ciò che serve! Un’altra cosa da considerare è che tra la vagina e l’ano, c’è un punto molto interessante sia per l’uomo che per la donna che, se stimolato, può intensificare ogni orgasmo. Anche con la penetrazione anale è possibile stimolarlo.

Tuttavia, possiamo stimolarlo meglio con le dita. Per farlo, basta inserire il pollice nella vagina e l’indice nell’ano. Poi, bisognerà applicare una pressione con il pollice sulla parete inferiore della vagina, mentre con l’indice bisogna spingere verso l’alto. Questo tipo di stimolazione è buona per le donne, ma per gli uomini lo è ancora di più: mettendo un dito all’interno del retto si può massaggiare persino la prostata e questo può portare ad un orgasmo fantastico, a volte anche senza eiaculazione (il che significa che in quei casi ne possiamo provare anche altri!!).

Perciò, l’anatomia, le ricerche e i fatti ci insegnano che l’ano offre tanti validi presupposti per un ottimo orgasmo. Ci sono i nervi, ci sono i punti su cui lavorare e ci sono molte persone che affermano di aver provato molto piacere con la stimolazione e la penetrazione. Pertanto, l’orgasmo anale esiste… e non ci resta che provarlo!

Tutto quello che devi sapere sull’orgasmo anale

L’influenza cristiana sulla società occidentale ci fa considerare il sesso anale come un peccato pericoloso e ci sono anche tante altre religioni che non vorrebbero neanche che fosse nominato. Tuttavia, l’ano è stato una parte integrante del nostro istinto sessuale fin dal momento in cui l’umanità ha iniziato ad esistere e, ovviamente, lo è ancora.

Proprio per questo, il temo passa e il sesso anale è in aumento: alcune statistiche affermano che almeno il 40-45% dei giovani (donne e uomini) hanno provato il sesso anale, ovvero il 10-15% in più rispetto a un paio di decine di anni fa. Molte di queste persone hanno affermato di aver provato un orgasmo anale, che è diverso dagli altri, ma comunque emozionante.

Tuttavia, il sesso anale sembra per molti una cosa… o bianca o nera.  Nel senso che lo odiano o lo amano. Non ci sono vie di mezzo e chi lo “vede nero” non dà il beneficio del dubbio a questo rapporto. Ad ogni modo, è utile pensare che senza la penetrazione e/o stimolazione dell’ano, non sarà mai possibile provare orgasmo anale… ed è semplicemente un peccato. Quindi è opportuno dare una chance a questo tipo di attività sessuale, ma è anche utile aprire la mente e prepararsi per il sesso anale anche a livello emotivo. In pratica, è consigliabile essere aperti alla possibilità di farlo, ma anche a quella di provare un orgasmo dell’ano.

Per riuscire a provarlo, ci sono da seguire anche alcune regole che si rivelano molto importanti per il sesso anale di successo. In primo luogo, dobbiamo comunicare sempre con il/la partner o comunque con la persona con cui si è deciso di farlo. Parlate delle vostre paure apertamente, poi decidete i procedimenti, i limiti e il modo in cui avete intenzione di farlo. (Ad esempio, che tipo di preliminari, uso di sex toys, riscaldamento, etc.)

Anche la fiducia è una delle fondamenta di base di un fantastico rapporto che possa portare ad un orgasmo anale: se ci fidiamo, ci possiamo rilassare completamente ed essere rilassati è sempre la principale chiave per il successo. Poi, è necessario procedere lentamente. La lentezza è fondamentale. Prenditi sempre tutto il tempo che serve per il riscaldamento e ricorda che anche la penetrazione dev’essere molto lenta. Inoltre, è doveroso usare molto lubrificante ed è consigliabile effettuare qualche esercizio di respirazione se l’ano non riesce a rilassarsi e ad allentarsi.

Devi sapere anche che un orgasmo anale può essere raggiunto meglio se affrontato con delicatezza e con qualche aiuto! I giocattoli del sesso possono aiutarci a scoprire molti piaceri nascosti, anche quando si tratta di ano. Possono essere usati in due, ma anche in completa autonomia, in maniera tale da capire se il sesso anale fa per noi oppure no. Da provare: i butt plug, ovvero dei vibratori sicuri, di varie dimensioni e studiati appositamente per il piacere dell’ano!

Se hai paura di provare dolore o di far provare dolore alla persona che penetrerai o che stimolerai, devi sapere che il sesso anale è doloroso per il più delle volte. Ma questo accade solo perché non viene fatto tutto come si dovrebbe:

  • non vengono fatti abbastanza preliminari dedicati all’ano
  • non viene usato abbastanza lubrificante.

Usa il tuo buon senso qui: se i preliminari sono importantissimi quando si tratta di sesso vaginale, immagina quanto possono essere fondamentali in questo caso! Grazie ad essi, i muscoli dell’ano si rilassano e si allargano. Poi, ovviamente, entrambi i partner si eccitano a dovere. Il lubrificante aiuta durante i preliminari così come durante la penetrazione. Questi sono i fatti da considerare per godere e non farsi male.

Per provare un orgasmo anale, il suggerimento è di vivere una lunga fase preliminare, fatta di masturbazione e sesso orale, sia per l’ano che per i genitali. Questa doppia stimolazione eleva l’eccitazione e consente di provare molto più piacere. Consiglio questa tecnica anche durante la penetrazione: è possibile stimolare i genitali con le mani o con un vibratore.

Come provocare un orgasmo anale: la pratica

Tieni presente che tutto quanto abbiamo detto finora è importantissimo: ti servono lunghi preliminari e tanto lubrificante. Questo può stimolare l’orgasmo anale e rendere il rapporto coinvolgente, eccitante e non doloroso. Senza lunghi preliminari e lubrificante, ottieni esattamente l’effetto contrario. Ma adesso andiamo a vedere nella pratica cosa possiamo fare per rendere magnifica questa esperienza…

La prima cosa da fare è prepararsi mentalmente all’idea. Poi, quando si passerà ai fatti, bisognerà concentrarsi sui preliminari. Questi ultimi devono sempre comprendere baci, passione, carezze in tutto il corpo, stimolazione delle zone erogene (come vagina e seno) e contatto visivo. Per fare del buon sesso anale, dovremo inoltre aggiungere la stimolazione dell’ano. (N.B. ho detto “aggiungere”. Questo significa che i genitali dovrebbero essere sempre interamente stimolati, anche se si tratta di sesso anale.) Come puoi farlo?

Nella pratica, devi sapere come lubrificare l’ano, ma anche come rilassarlo e stimolarlo. Per la lubrificazione, ti suggerisco di scegliere un lubrificante ad acqua oppure un olio naturale, come quello di oliva o di mandorla. A quel punto, potrai applicarlo sulle tue mani, sull’ano e su tutta l’area intorno ad esso. Con il dito, potrai iniziare a massaggiarlo, in maniera tale che tutti i muscoli si rilassino e che il lubrificante vada ovunque. Questa fase di lubrificazione e rilassamento, può essere fatta direttamente con il sesso orale: la tua saliva farà da lubrificante e con la lingua potrai massaggiare l’intera area.

Al posto del dito e della lingua, si può usare un vibratore. In questo caso, è necessario avvalersi di un dispositivo apposito per l’ano e sarà comunque necessario usare molto lubrificante. Con questo vibratore si potrà massaggiare la parte esterna e rilassare l’ano. In seguito, potrà essere utile anche per la stimolazione interna. Tuttavia, il suggerimento è quello di comprarne una più piccolo e uno più grande: partendo dalla misura ridotta, possiamo far rilassare e allargare l’ano in modo più naturale e graduale.

Qualunque sia il mezzo che tu abbia deciso di usare (dita, lingua o vibratore), dopo aver lubrificato e massaggiato la parte esterna, sarà il momento di entrare. Puoi farlo anche con la lingua, ma ti suggerisco di scegliere a breve un altro metodo: la lingua ha poca forza e non può aiutare i muscoli ad allentarsi al massimo.

In questo momento dei preliminari, il dito (o il vibratore più piccolo) può iniziare a entrare lentamente nell’ano, attraverso dei movimenti circolari. Questi ultimi ti aiuteranno a far rilassare i muscoli e a stimolare i nervi. Una volta dentro, è possibile muoversi lentamente su e giù o sempre in circolo. Quando il dito o il vibratore si muoverà più che bene all’interno, potrai far entrare lentamente un altro dito o prendere il vibratore più grande.

Una volta che l’ano si sentirà a suo agio anche in questa situazione, si potrà passare alla penetrazione. Ricorda di effettuare la doppia stimolazione durante i preliminari (ogni qualvolta ti è possibile) così come durante la penetrazione. In questo modo, potrai scatenare uno o più potenti orgasmi alla partner. Volendo, puoi evitare la penetrazione e continuare con la doppia stimolazione: un fantastico orgasmo arriverà comunque!

In generale devi sapere che, la maggior parte delle volte, un orgasmo anale avviene attraverso la stimolazione indiretta del punto G di una donna o del punto L di un uomo (al centro della zona tra lo scroto e l’ano). In pratica, stimolando la parete condivisa tra la vagina e il retto… l’orgasmo anale può essere davvero unico!

A questo proposito, ecco per te una tecnica specifica da usare fin da stasera…

  • Inizia con un massaggio anale (lubrificazione e movimenti circolari per tutta la zona).

 

  • Utilizza mosse contraddittorie per aumentare il piacere: massaggia poi fermati, tocca l’ano e poi giraci intorno…

 

  • A questo punto, stuzzicalo un po’ con la lingua, facendo piccoli cerchi intorno al bordo dell’ano (questo è noto come rimming).

 

  • Dopo un po’, inizia ad entrare con un dito ben lubrificato, girandolo sull’apertura anale.

 

  • Cerca gradualmente di entrare con una buona parte del dito e tieni il palmo della mano all’insù, ovvero verso la vagina.

 

  • Comincia a premere e rilasciare delicatamente la parete superiore dell’ano.

 

  • Massaggia lo stesso punto fino all’orgasmo e poi passa alla penetrazione.

Ovviamente puoi passare alla fase successiva ancor prima dell’orgasmo, ma il segreto per soddisfare una donna a letto consiste nel darle sempre un orgasmo durante i preliminari.

Le mie conclusioni e i consigli finali…

Come avrai capito, l’orgasmo anale esiste, ma per viverlo e stimolarlo bisogna avere la mente aperta e non denigrare questa particolare attività sessuale. Inoltre, è importante fare le cose per bene: tanto lubrificante, tanti preliminari mirati e doppia stimolazione. Perciò adesso sai tutto quello che hai bisogno di sapere per provare e provocare questo tipo di orgasmo, ma prima di lasciarti voglio dirti delle cose importantissime:

  1. Mai passare dall’ano alla vagina senza essersi lavati le mani o la bocca, cambiati i guanti o il preservativo: i batteri (presenti anche nell’ano delle persone più attente all’igiene personale) possono passare da una parte all’altra e causare disagi e problematiche più o meno gravi che, naturalmente, possono anche passare a te.

 

  1. In una coppia consolidata è molto importante parlare di sesso anale, prima di farlo e dopo. Gli uomini dovrebbero anche tener contro che molte donne hanno sofferto (per colpa di una pessima esperienza con pochi preliminari e/o poco lubrificante) o hanno paura di soffrire. Inoltre, molte pensano che dopo il sesso anale non verranno più rispettate dall’uomo… Quindi devi rassicurare la tua partner, dicendole che la rispetterai e che sai esattamente cosa fare per consentirle di godere molto senza provare dolore.

 

  1. Per poter vivere un bel rapporto e provocare un orgasmo anale è fondamentale aspettare che la donna sia pronta. Se non sei sicuro, piuttosto chiedilo, ma non azzardare.

 

  1. La posizione del missionario permette alla donna di rilassare completamente l’ano, rendendo la penetrazione molto più facile anche per te. Se poi le metti un cuscino sotto il bacino e le tiri su le gambe… andrà ancora meglio. Tu dovresti inginocchiarti o sdraiarti sopra di lei. Questa posizione si rivelerà inoltre molto comoda per entrambi. Anche la posizione della pecorina può dare una valida angolazione, sia per la stimolazione indiretta del punto G che per il piacere generale causato dall’atto.

 

  1. Applica sempre molto lubrificante sia sull’ano che sulle dita, il preservativo, il pene o il vibratore. Questo ti assicurerà di evitare il dolore e facilitare ogni fase del rapporto.

 

Con questi 5 suggerimenti ti lascio al tuo divertimento: se seguirai i miei consigli, potrai provocare un orgasmo anale fantastico a tutte le donne che verranno a letto con te. Quindi, cosa stai aspettando?

Lascia un commento