Ecco tutto quello che devi sapere sulle forme del pene e le sue principali caratteristiche

Questo è un argomento molto interessante. Infatti, al fine di essere più abili e fiduciosi sotto le lenzuola, in primo luogo è necessario conoscere il proprio organo e quindi le forme del pene, le dimensioni e le sue principali caratteristiche. Conoscere meglio se stessi è sempre il primo passo per affinare e sfruttare al meglio le proprie abilità (in questo caso, quelle sessuali). Pertanto, diamoci da fare e iniziamo con questa piccola ma interessante lezione, che potrà aiutarti ad usare al meglio il tuo amico là sotto!

So che quando si tratta di sesso, preferiamo andare al sodo… ma so anche che molti uomini fanno delle specifiche ricerche su internet, in particolare relative alle dimensioni e alle forme del pene.

Non a caso… le statistiche affermano che il 45% degli uomini pensa di avere un pene troppo piccolo o comunque non in grado di soddisfare una donna!

Quindi, puoi benissimo capire che è giusto avere una maggiore consapevolezza prima di preoccuparsi o di compromettere la propria vita sessuale con strani dubbi, non credi? Perciò, è utile fare chiarezza anche sotto questo punto di vista, in maniera tale che tu possa guardare il tuo pene e capire che è perfetto così com’è e che non ha nulla che non va. Il tuo unico pensiero dovrebbe essere quello di usarlo al meglio! Detto questo, partiamo con la lezione!!

Nel mondo, nessuna vagina è uguale e lo stesso vale per il pene!

Come potrai aver capito leggendo altri articoli su questo sito, le vagine sono tante e tutte diverse. Quindi perché i peni dovrebbero essere tutti uguali? Non ha senso e infatti non lo sono.

In fondo, quasi certamente se sei qui a leggere è perché ne hai visto un altro, magari nello spogliatoio della palestra, e non è uguale al tuo.

Beh… è normale che non sia uguale.

smetti subito di preoccuparti, in quanto è proprio la tua preoccupazione che potrebbe farti avere dei problemi a letto… Non il tuo pene o la sua particolare forma!

Molti uomini si guardano intorno (o guardano un film porno), vedono un pene diverso dal loro e… è fatta! L’insicurezza arriva come un razzo e fa pensare all’uomo di non essere in grado di poter soddisfare la propria donna, in quanto l’amico laggiù ha qualcosa di diverso… o ha qualcosa che non va.

Ma lo sa qual è la verità? Il problema non esiste e, se ti rivedi in questa scena che ti ho appena descritto, sappi che il problema te lo stai creando solamente tu.

Per fare un po’ più di chiarezza a riguardo, inizierei con lo sparare un po’ di misure e informazioni utili…

  • Secondo le ricerche, un pene troppo piccolo misura meno di 10 cm durante un’erezione. Quindi, se il tuo pene a riposo è più corto di 10 cm NON è un micropene!
  • In media, un pene moscio misura dai 6,5 ai 10 cm. Quindi… non ascoltare quelli che vogliono fare i fenomeni e sparano misure assurde!
  • In media, durante l’erezione, un pene misura 13-18 cm e il suo diametro è di 3-5 cm.
  • La vagina è solitamente meno profonda di un pene eretto… Quindi, qual è il problema?
  • Gli esperti affermano che se tu ti rivedi in queste misure e statistiche va bene, ma se non è così… non importa: è importante come lo usi e non tanto quanto è lungo o che forma ha!

Con questi presupposti direi che siamo arrivati ad una conclusione: anche se stai leggendo questo articolo, è quasi sicuro che tu non abbia alcun problema. Ho usato la parola “quasi” perché alcuni uomini sono affetti dalla sindrome di Peyronie, ovvero una condizione in cui il pene è curvo. Tuttavia, anche in questo caso, se la curvatura non è eccessiva e non causa dolore durante l’erezione, non è considerata un problema per la vita sessuale di un uomo. Davvero! Non è un problema e l’uomo è in grado comunque di soddisfare ogni donna. Più avanti ti dirò di più…

Il pene è fatto così…

Adesso è arrivato il momento di darti qualche info relativa all’anatomia dei genitali maschili. Non ti preoccupare, non mi dilungherò troppo, ma è opportuno comprendere esattamente di quali parti stiamo parlando se vogliamo analizzare le varie forme del pene…

Per farla breve, il pene è sostanzialmente diviso in due parti principali, che sono il glande e il tronco. Il glande lo conosci bene in quanto è la punta che rimane scoperta durante l’erezione, mentre il tronco è l’area che va dalla base del glande fino alla base del pene.

Queste due parti vengono attraversate da una vasta e fitta rete di vasi sanguigni, utili per portare il sangue al pene e per irrorarlo maggiormente durante l’erezione.

Oltre ai vasi sanguigni, all’interno del glande e del tronco ci sono due corpi cavernosi, che li attraversano dalla base alla punta. Uno di questi arriva fino in fondo ed è quello dal quale fuoriesce sia l’urina che lo sperma.

Poi, abbiamo la parte esterna: il tronco e il glande sono ricoperti da uno strato di pelle elastica. Durante l’erezione, quest’ultima non copre più tutto il pene, ma ne lascia fuori la punta e crea una piega alla base del glande, che viene chiamata prepuzio. Questo strato di pelle rimane comunque collegato al glande tramite il “filetto”, che si chiama frenulo.

Il pene è fatto così in ogni uomo e l’unica cosa che può cambiare è la lunghezza e, ovviamente, la forma… infatti ce ne sono ben 5! Tieni bene a mente quello che ti ho detto in questo paragrafo: ti aiuterà a comprendere al meglio ognuna di esse.

Le diverse forme del pene

Come abbiamo detto, abbiamo a che fare con peni di forme diverse e questo può essere uno dei motivi per cui molti uomini dovrebbero smettere di preoccuparsi.

La forma varia in base ad alcuni elementi, che provocano a loro volta delle curvature o delle caratteristiche molto particolari. Le curvature possono essere sia congenite che acquisite, nel senso che possono essere presenti fin dalla nascita oppure essere provocate da traumi od operazioni, che hanno portato uno o entrambi i corpi cavernosi a cicatrizzarsi in maniera diversa, arrivando così anche ad avere una lunghezza diversa l’uno dall’altro.

Detto questo, voglio prima rispondere ad una domanda che si fanno in molti: quali sono le caratteristiche di un “pene perfetto”?

Beh, a parte il fatto che è raro, che la vita sessuale cambia di poco pur avendolo così e che non conta averlo perfetto se poi non lo usiamo per bene, possiamo dire che si tratta di un pene che durante l’erezione presenta un diametro regolare e che ha il glande un po’ più ampio rispetto al tronco. Inoltre, quest’ultimo dovrebbe presentare una curvatura molto leggera.

Quindi adesso lo sai. Il “pene perfetto” dovrebbe essere fatto così… E allora? Può essere anche perfetto, ma se non viene usato bene… la sua perfezione non ha valore. Allo stesso modo, un pene che non ha queste caratteristiche ma che presenta qualche “difetto”… se viene usato bene, la sua “imperfezione” perde di valore, oppure potrebbe rivelarsi un vantaggio!!

Perciò, se il tuo pene non è perfetto, non ti preoccupare.

Il mio non lo è, eppure me la cavo alla grande… E potremmo fare delle ricerche e scoprire che probabilmente solo il 10% degli uomini nel mondo ha il pene perfetto (se non di meno!).

La verità è che il tuo pene va benissimo così! E puoi far godere tutte le donne che desideri. Davvero. Basta sapere COME USARLO, come soddisfare una donna… e potrai fare tutto questo al meglio seguendo tutti i miei consigli sul sesso e non paragonando il tuo pene con quello degli altri!! Credimi, fare paragoni non fa onore ad un uomo… Mentre imparare e fare di tutto per essere un dio del sesso sì! Questo ci fa davvero onore e le donne non possono fare a meno di notarlo.

A questo punto, anche se penso che sia quasi inutile, possiamo andare a vedere quali sono le diverse forme del pene. Secondo gli esperti, possiamo avere a che fare con un…

  1. Pene curvo: con una curvatura a sinistra o a destra. (Se la curvatura non è così eccessiva da provocare dolore durante l’erezione, non è necessario preoccuparsi. Anche se questo non capita così frequentemente, in caso contrario è necessario consultare un urologo.)

 

  1. Pene a forma di matita: in questo caso, il glande tende a restringersi molto verso la punta e ad essere decisamente più sottile rispetto al tronco. Quest’ultimo presenta invece una forma cilindrica e uniforme.

 

  1. Pene a forma di cono: la base del tronco è larga e si restringe fino ad arrivare alla punta del glande, che risulta molto sottile rispetto al resto del pene.

 

  1. Pene a forma di banana: in questa eventualità, la punta e la base hanno lo stesso diametro, mentre la parte centrale del tronco è decisamente più larga.

 

  1. Pene a forma di fungo: questa tipologia di pene presenta un tronco piccolo e un grande glande.

E allora qual è il tuo problema? Nessuno!

Beh, a questo punto sono certo che avrai trovato qualche somiglianza e avrai avuto l’ulteriore conferma che non hai nulla che non va, neanche se il tuo pene è diverso dagli altri… Anzi, probabilmente è meglio così. Infatti, molte donne affermano che sono proprio le diverse forme del pene a fare la differenza e spesso possono garantire loro un maggiore piacere… che un pene troppo perfetto non potrebbe mai dare senza quelle speciali caratteristiche!

Perciò, la diversità è davvero un bene e ti consiglio di non ascoltare quelli che ti consigliano di comportarti in un certo modo o di fare sesso solo in determinate posizioni in base alla forma del tuo pene o alla sua lunghezza: sono tutte stupidaggini! Tu puoi fare quello che vuoi, senza restrizioni!

In questo sito, puoi scoprire tanti trucchi, tecniche e soluzioni, nonché avere a portata di mano tanti suggerimenti che ti permetteranno di far impazzire la tua donna, di non rendere mai noiosa la tua vita sessuale e di divertirti un sacco.

Questo è quello che conta: ciò che fai, come usi il tuo pene e le tue abilità a letto.

Se ti impegnerai su queste cose, vedrai che ti renderai conto che la forma, la lunghezza e le altre caratteristiche del tuo pene possono diventare davvero un vantaggio e non sono di certo un problema!

Essere diversi dagli altri è sempre un bene…

Se fossimo tutti uguali, perché una donna dovrebbe preferire te invece che un altro?

Lascia un commento