Vuoi un cazzo duro? Ecco come potenziare la tua erezione

Vuoi sapere come avere un cazzo duro? Conosco tantissimi uomini che vorrebbero un pene più lungo… ma la verità è che tutta questa lunghezza non serve e poi bisogna dire che il tuo amico non può continuare a crescere per sempre!

Perciò, possiamo trovare una migliore soluzione: ottimizzare la potenza della tua erezione. Pertanto, in questo articolo ti insegnerò come fare per avere un cazzo duro. Pronto per scoprire tutto quello che c’è da sapere a riguardo? Se hai risposto di sì, continua a leggere… e vedrai che le donne ti ringrazieranno per questo!

Prima di proseguire nella lettura ho un regalo per te

Uno special report contenente 10 tecniche per far godere al massimo una donna (e implorarti di fare sesso conte), grazie a queste tecniche potrai considerarti un Dio del Sesso.

Clicca qui per scaricare Gratis il report per Diventare un Dio del Sesso

Voglio partire da un argomento specifico, che possiamo definire un mito da sfatare… e ho intenzione di spiegarti il perché.

“Per conquistare una donna a letto e farla impazzire serve un pene lungo. Se ce l’hai piccolo… sei fregato!”

Che mito assurdo! Sfatiamolo subito…

Ecco un dato di fatto: NON ti servono 40 centimetri di pene per soddisfare una donna.

Infatti, una vagina è profonda circa 6-8 centimetri

Quindi, dove potresti mettere il resto??

Tra l’altro, dato che sicuramente l’hai pensato, un pene di 40 centimetri farebbe paura ad una donna anche per quanto riguarda il sesso anale: anche lì parliamo di una profondità molto ridotta.

Pertanto, se non vuoi spaventare una donna o avere difficoltà durante il sesso, devi… concentrati sull’uso corretto del pene e non sulla sua lunghezza.

Meglio un pene piccolo e usato bene, che un pene lungo usato male!

Poi, dobbiamo considerare anche che la lunghezza media del pene eretto si aggira intorno ai 13,2 centimetri… che bastano e avanzano per la vagina (o l’ano) di una donna!

Nonostante questo, molti esperti del settore confermano che moltissimi uomini si lamentano delle loro dimensioni “a riposo”… ovvero quando il pene è moscio. Proprio per questo, si rivolgono al medico e vorrebbero sapere se esistono delle operazioni per l’allungamento!

Ma questo è assurdo… Non credi?

Pensi che una donna sia interessata alle misure di un pene moscio?

Se fosse più grande anche quando è a riposo, potrebbe gonfiare il tuo orgoglio quando ti trovi in uno spogliatoio con tantissimi altri uomini… Ma ti serve davvero fare una bella figura con i tuoi compagni di squadra o con quelli che vengono in palestra con te?? Direi di no!

E la tua partner non ti guarderà mai sotto la doccia pensando che quando il tuo pene è moscio è troppo piccolo… Ma piuttosto te lo guarderà pensando che vuole fartelo diventare duro e così inizierà a stuzzicarti!

Quindi, averlo lunghissimo conta poco e sono certo che anche il tuo va benissimo. Perciò, se ti trovi a pensare il contrario o se ti dovesse accadere, ricordati che è importante come lo usi e non quanto è lungo. Oltre a sapere come usare il tuo pene è importante sapere anche come usare le tue dita e la tua lingua, se vuoi approfondire l’argomento è diventare un dio del sesso clicca qui e leggi la mia guida gratuita

Inoltre, devi considerare persino che concentrarti troppo sulle dimensioni va solo a peggiorare la tua situazione… Può farti venire l’ansia da prestazione e/o farti riscontrare seri problemi di erezione (dovuti al tuo stato psicologico).

Pertanto, direi che la lunghezza la possiamo mettere quasi (dopo scoprirai perché) da parte, pensando piuttosto a come avere un pene duro, a capire perché non diventa duro (se pensi che per te sia così) e cosa fare a riguardo, nonché a conoscere i vari livelli dell’erezione (ti dirò come arrivare all’ultimo!)… Poi ti parlerò degli esercizi che te lo fanno venire duro e te lo fanno anche allungare naturalmente (ecco perché dicevo “quasi da parte”)… portando la tua donna a provare degli orgasmi eccezionali grazie a te e al tuo pene.

Prima di iniziare ad entrare nel clou della nostra piccola lezione, vorrei ricordarti di non concentrare la tua attenzione solamente sull’erezione e su come migliorarla: dovresti assolutamente impegnarti anche per quanto riguarda le mosse che effettivamente fanno impazzire una donna. Sapere cosa fare e avere il pene duro saranno due abilità sessuali che, unite insieme, faranno letteralmente urlare dal piacere ogni donna che verrà a letto con te. Se vuoi scoprire alcune tecniche per far godere appieno una donna clicca qui e leggi il mio report

Perciò, ricorda che l’erezione più dura è un elemento da non sottovalutare per far provare piacere a chi fa sesso con te, ma SAPERE COSA FARE esattamente per far impazzire una donna è fondamentale! (Potrai trovare alcuni articoli che ne parlano anche in questo blog!). Detto questo, ecco quello che devi sapere per avere un pene più duro…

Metodi per avere un pene duro e potenziare la tua erezione

Iniziamo dal presupposto che esistono alcune soluzioni per averlo più grosso e queste, in un certo modo, potrebbero aiutarti persino ad averlo più duro. Ovviamente, se vai da un medico, potrà elencarti questi metodi, ma preferisco spiegarteli io in parole povere e dirti anche perché te ne sconsiglierò due su tre…

La prima soluzione per avere un pene duro è l’operazione chirurgica

Invasiva, dolorosa dopo e preoccupante. Non ne vale la pena se si vuole solamente avere un pene più grosso… Meglio imparare a farselo andare bene così com’è!

La seconda consiste nel fare alcuni esercizi di allungamento… che ti sconsiglio!

Mentre quelli che aiutano il pene ad essere più duro durante l’erezione funzionano e sono sicuri, quelli per l’allungamento sono rischiosi (alla fine di questa lezione ti spiegherò il più efficace, con i suoi pro e i suoi contro).

Infatti, quelli per l’erezione permettono di andare a lavorare sui muscoli pelvici e sul loro modo di reagire agli stimoli. Sono utilissimi anche perché aiutano l’uomo ad imparare a controllare la propria erezione, rafforzando la connessione tra la mente e il corpo senza controindicazioni. D’altra parte, gli esercizi di allungamento del pene agiscono sui corpi cavernosi presenti all’interno dell’organo e, se non vengono fatti correttamente, possono causare diversi problemi fisici… e tutto per guadagnare a malapena un paio di centimetri “a riposo”, ma non durante l’erezione!

La terza soluzione consiste nell’utilizzo di alcuni strumenti per l’allungamento del pene.

Si tratta di attrezzature certificate e approvate, che aiutano il pene a fare gli esercizi in maniera corretta… Un po’ come quando vai in palestra: con gli esercizi a corpo libero rischi di fare qualche errore, mentre con le macchine viene guidato attraverso i passi giusti e quindi puoi eseguire l’esercizio in maniera corretta. Pertanto, funzionano e possono aiutarti ad avere un pene un po’ più grosso, influendo anche un po’ sulla durezza della tua erezione.

Questi strumenti te li consiglio, sia per l’efficacia che per la sicurezza, ma ovviamente non ti servono davvero e puoi anche farne a meno. Tuttavia, usarli non può nuocere alla tua salute e può garantirti qualche piccolo risultato.

Quindi, abbiamo appena assaporato una piccola cosa che potresti fare per avere un pene durissimo come l’acciaio, allungarlo un po’ e abbinare questa tua abilità a tutti gli altri consigli che hai trovato (o troverai) su questo sito… riuscendo così a fare impazzire ogni donna!

Ad ogni modo, sappi che puoi fare molto di più e adesso sto per dirti cosa può davvero funzionare e aiutarti in un modo che non potrai mai dimenticare… Ma prima di passare al sodo è opportuno rispondere ad una specifica domanda…

Perché il pene non diventa duro?

Rispondere a questa domanda è utile per capire le dinamiche dell’erezione, ma anche per spiegare alcune cose agli uomini che si ritrovano improvvisamente in questa situazione.

Quando si presenta questo disagio, solitamente è causato da un problema psicologico. Quindi, nella maggioranza dei casi non abbiamo bisogno di medicinali o di particolare terapie. Possiamo provare a seguire alcuni dei consigli riportati in questa lezione e, se poi si pensa che non stia funzionando e che non si tratti di un problema di tipo psicologico, allora sarà opportuno recarsi dal medico e fare alcune analisi.

Il pene raggiunge l’erezione dopo che l’organo o altre parti del corpo hanno ricevuto uno stimolo eccitatorio. Questo stimolo fa in modo che il cervello risponda mandando al pene un segnale, dal quale parte un ulteriore afflusso di sangue che porta poi all’erezione.

Questo vuol dire che tutto passa dal cervello e che quindi, se sei troppo stressato, nervoso o ansioso, i segnali non verranno inviati oppure non verranno inviati in maniera corretta. In questo caso, neanche i farmaci possono aiutare: è necessario agire sul disagio psicologico sfogandosi, rilassandosi e/o risolvendo il problema che assilla la mente.

Ti ho fatto questo discorso anche perché è importante che tu sappia che è quasi inutile fare esercizi o leggere migliaia di info su come avere un pene più duro se poi il tuo cervello sta pensando ad altro quando è il momento di darti da fare a letto!!

Perciò, la prima cosa da fare per avere un’erezione dura come l’acciaio è… Rilassarsi.

Il RELAX è la prima cosa da ottenere per avere un pene duro!

Impara a rilassarti, a ridurre lo stress, a non portarti il lavoro a casa… e a non pensare troppo al fatto che il tuo pene potrebbe essere più duro, grosso o lungo ma non lo è (agisci per migliorarti, ma non pensare troppo al tuo “problema”… altrimenti fai ancora peggio!!).

Un’altra cosa da fare è mangiare sano!

L’alimentazione è fondamentale in tutto e quindi anche per la salute del tuo amichetto. Evitare cibi troppo grassi, troppo dolci, troppo salati, troppo fritti… e tutti quei cibi spazzatura è importantissimo anche per il pene. Se ti riempi di questi cibi ogni giorno… non ti lamentare se il tuo pene non si rizza!!

Infatti, come ben sai, l’erezione avviene grazie ad un maggiore afflusso di sangue all’interno del pene e le abitudini alimentari sbagliate possono causare l’ostruzione, il restringimento e problemi anche con quei vasi sanguigni presenti nella zona genitale, ostacolando quindi la durezza dell’erezione. Lo stesso vale per il fumo, l’abuso di alcol e di droghe.

Pertanto, quello che devi fare per avere un pene più duro è puntare su relax, buone abitudini alimentari e uno stile di vita sano in generale.

Questi sono i primi passi… che poi dovranno diventare parte della tua routine per sempre (se vuoi continuare a star bene e ad avere un’erezione più dura!).

Ricorda sempre che tutto quello che fa male al cuore fa male anche al pene… e facendo le modifiche giuste nella tua vita di tutti i giorni, potrai ottimizzare completamente il tuo stato di salute. So che vorresti tener stretti i tuoi vizi e il tuo pacchetto di patatine… ma anche per avere una bella erezione è necessario fare qualche sacrificio!

Quando ti ho detto “stile di vita sano”, intendevo naturalmente anche il movimento e l’attività fisica. Infatti, una vita sedentaria non comporta la possibilità di avere un pene più duro, in quanto ovviamente ci rende pian piano meno sani. Perciò, qualche allenamento settimanale potrà aiutarti a star bene in generale e potrà far anche bene al tuo pene, in particolare perché ti consentirà di elevare i livelli di testosterone all’interno del tuo corpo.

Tuttavia, ci sono anche gli esercizi specifici per il pene… Sì, esatto… sarà lui a farli!!

Questi esercizi sono ottimi per aiutarti a raggiungere, controllare e mantenere l’erezione anche tutte quelle volte che si presentano ansia da prestazione, paure e stress. Inoltre, possono aiutarti a sviluppare i muscoli pelvici e a migliorare la connessione tra la tua mente e il corpo (per un ottimo controllo), la tua fiducia e le tue abilità sessuali. Grazie a questi esercizi potrai anche avere un’erezione forte e duratura e saprai come fare per avere il pene duro ogni volta che ne avrei bisogno e che ti sentirai eccitato (ovviamente).

Quindi la domanda adesso è… come possiamo ottenere un’erezione forte e duratura?

Abbiamo parlato di relax, alimentazione e stile di vita sano. Poi abbiamo detto che ci sono degli esercizi specifici per il pene… Questi sono l’ingrediente vincente. Quali sono?

In primo luogo, ci sono gli esercizi di Kegel: semplici, efficaci e usati da migliaia di persone in ogni parte del mondo.

Sono ottimi per le donne e anche per gli uomini che desiderano avere un pene più duro. Infatti, consentono di lavorare e sviluppare i muscoli pelvici, ovvero i muscoli che controllano l’erezione. Oltre a questo, è utile sapere che comportano anche benefici per la salute della prostata.

Come sfruttare gli esercizi Kegel per avere un pene duro?

La prima cosa che devi sapere a riguardo è che i muscoli che dovranno essere allenati si trovano tra lo scroto e l’ano. Ovviamente, comprendono un’area un po’ più grande, ma noi possiamo sentirli principalmente in questa zona. Per localizzarli meglio, puoi provare a interrompere il flusso di urina mentre sei in bagno: quelli che contrarrai sono proprio i muscoli pelvici.

Gli esercizi di Kegel consistono appunto nella contrazione e nel rilascio di questa parte di muscolatura. Partire da una serie da 5 al giorno potrà essere un buon inizio e, con il tempo, potrai aumentare la durata del tuo allenamento pelvico.

Ti renderai conto che questi esercizi sono letteralmente “invisibili”, nel senso che puoi farli dove e quando vuoi (ovviamente non mentre sei in bagno… quello era solo un metodo per capire quali sono i muscoli da far lavorare!) e nessuno se ne accorgerà. Pertanto, non servirà che tu sia solo o vestito da palestra. Li puoi fare in macchina, sul divano, al lavoro… Dove e quando vuoi!

Dopo pochi giorni, potrai cominciare a notare i primi risultati durante l’erezione. Continuare e far diventare questi esercizi parte della tua routine è una soluzione ottima per garantirti delle dure erezioni per tanto tanto tempo, ma anche una prostata più sana nel lungo termine!

Oltre agli esercizi di Kegel, per rendere il pene più duro puoi anche provare a fare i sollevamenti dell’asciugamano. Sì, proprio così. Non sto scherzando!! (se ne parla anche in diversi forum inglesi)

Si tratta di un esercizio che può rafforzare i legamenti e i tendini, aiutandoti così ad avere un’erezione che non avresti mai pensato di avere prima.

Ecco quello che devi fare…

  1. Munisciti di un asciugamano non troppo grande (quello per le mani è ottimo).
  2. Raggiungi l’erezione con la masturbazione.
  3. Metti l’asciugamano sopra il pene.
  4. Il peso dell’asciugamano farà sì che il pene si abbasserà un po’ e il tuo compito sarà quello di usare i muscoli pelvici (gli stessi che fai lavorare con gli esercizi di Kegel) per sollevare lievemente l’asciugamano.
  5. Fai questo esercizio per 10 volte ad ogni allenamento, tramite delle contrazioni.

Tutto qui.

Come potrai vedere è molto semplice.

Tuttavia, potresti non riuscire subito nell’impresa, ma non è un problema: con la pratica, riuscirai a farlo tranquillamente!

Inizialmente, potrai aiutarti mettendo due dita sotto il pene (alla base). Pian piano diventerai un esperto e potrai aumentare il livello di difficoltà dell’esercizio, bagnando l’asciugamano prima di metterlo sul pene. In questo modo, potrai aumentarne il peso e migliorare pian piano anche la tua capacità di concentrazione e di controllo dell’erezione.

Questo esercizio è formidabile e vedrai che con un po’ di pratica il tuo pene diventerà molto più duro elevando così la tua soddisfazione sessuale e anche quella della donna che farà sesso con te!

Con questo allenamento di resistenza riuscirai a sviluppare maggiormente i muscoli pelvici, ma anche ad aumentare l’afflusso di sangue al pene durante l’erezione, ottimizzando la circolazione all’interno dell’organo. Grazie a questo esercizio potrai perciò potenziare la tua erezione, ma potrai anche allungare un po’ il tuo amico là sotto! Doppio risultato per un grande successo!

Gli esercizi di Kegel e l’esercizio dell’asciugamano sono ottimi per riuscire ad avere un pene più duro durante il sesso, ma sto per condividere con te anche un altro allenamento che puoi fare: il jelqing. Tuttavia, se questi due funzionano per te (come accade per la maggior parte degli uomini), ti suggerisco di lasciar perdere il terzo… Infatti, si tratta di quello di cui ti parlavo all’inizio. Quello che funziona, ma che sconsiglio. Ti stai chiedendo il perché?

È semplice: l’esercizio che sto per spiegarti è efficace, ma se non viene effettuato correttamente può risultare rischioso per te e poi è molto impegnativo… Una vera e propria rottura di scatole!

Ad ogni modo, ti darò comunque tutte le indicazioni di cui hai bisogno, in maniera tale da poter valutare autonomamente se è il caso di provarlo e di inserirlo nei tuoi allenamenti oppure no.

Per ottenere degli ottimi risultati in tutta sicurezza dovrai:

  • Non effettuare altri esercizi prima di esso, in modo da non allenare eccessivamente il pene e non sforzare troppo i muscoli.
  • Effettuare un corretto riscaldamento.

Tenendo conto di queste due regole di base, potrai evitare rischi ed ottenere interessanti risultati.

Questo esercizio potrà portarti via circa 30 minuti ogni volta e va fatto massimo 4 volte alla settimana (effettuandone solo uno alla volta). Tuttavia, è opportuno partire dal minimo, ovvero da 2 volte alla settimana. Prima di provarlo, sarà necessario aver letto e memorizzato tutte le indicazioni che ti ho appena dato e che sto per darti…

Ecco i principali passi che dovrai seguire per effettuare questo allenamento valido sia per l’allungamento che per una maggiore durezza durante l’erezione.

  1. La prima cosa da fare è lubrificare abbondantemente il pene con la vasellina, con un olio per bambini oppure con un olio naturale e biologico (come l’olio d’oliva o quello di cocco).
  2. In secondo luogo, dovrai masturbarti e raggiungere l’erezione, arrivando al 50-75 % del tuo massimo livello di durezza. (Infatti, questo esercizio non va MAI eseguito durante l’erezione completa, in quanto il pene deve risultare abbastanza morbido per consentirti di promuovere l’afflusso di sangue tramite una lieve manipolazione).
  3. A questo punto, guarda la tua mano destra, posala sul pene e unisci il pollice e l’indice ad anello, proprio come se volessi fare “OK” con la tua mano.
  4. Dopodiché, inizia ad accarezzare il pene partendo dalla sua base, ovvero vicino all’osso del pube, tenendo sempre le dita nella stessa posizione. La pressione dovrà essere media, dovrai muoverti lentamente e non stringere troppo: in questo modo, riuscirai a stimolare l’afflusso di sangue in maniera corretta.
  5. Arriva fino alla base della cappella. Quest’ultima non va mai toccata.
  6. In totale, dovrai metterci circa tre secondi per arrivare dalla base del pene a quella della cappella.
  7. Togli la mano e ripeti lo stesso “massaggio” con l’altra.

Fonte: https://www.ahcafr.com/jelqing/

Questo è l’esercizio. Non è difficilissimo, ma è un po’ noioso. Infatti, devi sapere anche che:

  • Il riscaldamento dovrebbe durare circa 5 minuti e può essere fatto tramite un bagno o una doccia calda, avvolgendo il pene in un panno caldo e umido o comunque utilizzando l’acqua calda.
  • Per arrivare ad un’erezione al 50-75%, puoi usare lo stesso metodo spiegato nell’esercizio.
  • Prima di fare l’esercizio, è importante fare un po’ di stretching: con la mano a “OK”, potresti portare il pene a destra, a sinistra, in basso e in alto per circa 5 minuti in totale.
  • L’esercizio vero e proprio (quello che ti ho appena spiegato) dovrebbe durare circa 10 minuti.
  • Alla fine dell’esercizio, è utile concludere facendo le stesse cose che ti ho indicato per la fase di riscaldamento e, anche stavolta, dovrebbero durare circa 5 minuti.

Come ti ho detto, si tratta di un esercizio un po’ noioso, in particolare perché richiede un po’ di tempo in più rispetto agli altri e anche perché è necessario essere scrupolosi ed eseguire ogni fase in maniera attenta e corretta per evitare problemi e danni.

Tuttavia, come ti ho detto all’inizio, esistono degli strumenti che aiutano a fare i movimenti giusti e ad usare la pressione ideale. Dopo al massimo 3 mesi, sarà necessario aumentare il numero di allenamenti settimanali, arrivando fino a 5 volte alla settimana.

Farlo correttamente è un must!

In caso contrario, potresti rischiare danni alla cappella e rompere dei capillari. Proprio per questi motivi, ti consiglio di evitare questo esercizio se non hai davvero la necessità di farlo. Inoltre, ricorda che non è necessario effettuare questo esercizio e che i primi due (Kegel e asciugamano) bastano e avanzano per avere un pene più duro.

Sono meno impegnativi, ma comunque efficaci. Inoltre, non dimenticare che è inutile avere un’erezione potente se non sai perfettamente come far impazzire una donna (spiego tutto all’interno di questa guida gratuita)!

Il jelqing può aiutarti ad avere il pene più grosso, più lungo e più duro, ma anche gli esercizi di Kegel e quello dell’asciugamano possono migliorare la lunghezza, la durezza e la resistenza del tuo pene, aiutandoti inoltre a controllare e a mantenere l’erezione con i tuoi muscoli pelvici e la tua mente.

Quindi, analizza tutto quello che ti ho detto, tira le tue conclusioni e fammi sapere! Ma ricorda:

Non importa quanto è lungo… importa come lo usi!

Se poi è duro come l’acciaio… Meglio ancora!! (Sia per te che per le donne che si troveranno a letto con te…)

Buon allenamento!

Articoli Correlati

Lascia un commento